Top

Vorrei essere il coltello

colltello

Vorrei essere il coltello

Vorrei essere il coltello
che taglia
con un gesto
i pensieri parrassiti
sabotaggio di me stessa

Vorrei essere il machete
che trancia
i sentimenti
e l’amore non ha spazio
per i se, magari, chissà

Vorrei essere la lama
che entra dritta
nel dolore
squartare
tutto il male
senza paura
dell’odore

Vorrei essere il trinciante
troncare
quel che è stato
perché la memoria
recisa
non è più

Vorrei essere il pugnale
uccidere
le parti di me
incastrate
in melmosi
meccanismi
di ruggine
incollate
a quel che sanno
invischiate

Vorrei essere il bisturi
temperino
degli affanni

Vorrei essere la mannaia
che il pieno
troppo pieno
fa sparire
di parole
di scarpe
di cose
che mai
perché inseguo
solo
la bellezza
nuda
il vuoto

Vorrei essere il seghetto
per trasformare
tutti i miei no
che hanno la o
che sembra una u
e a volte una i
e tu capisci che sono sì
in un deciso
tranciante
tranciato
affilato
NO

No Comments

Post a Comment

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

})(jQuery)