Top

“Algoritmi idioti e politici lazzaroni”, Graffi di Silvio Saffirio

Silvio Saffirio

“Algoritmi idioti e politici lazzaroni”, Graffi di Silvio Saffirio

Ai tempi dell’agenzia pubblicitaria che aveva fondato con Pietro Gagliardi e Pasquale Barbella, la BGS, oltre 450 collaboratori, c’erano persone che facevano di tutto pur di non trovarsi da sole in ascensore con lui: Silvio Saffirio. Avevano paura di ricevere i suoi graffi: battute feroci e affilate, l’affetto c’era ma era nascosto.

Si chiama “Graffi ai tempi che corrono. Post ai posteri di uno scettico della modernità”, edito da Yume, il suo nuovo libro. La prefazione è di Marco Zatterin.

Una raccolta di post, pensieri, poesie, digressioni con il piacere di dissentire e demolire i luoghi comuni.

“Sono graffi – spiega Saffirio -: fanno male ma non sono gravi come i tagli. Il male è iniziato col dare alle leggi nomi cretini come “Porcellum””. Ecco il primo.

Quasi 200 pagine di buon senso, spirito langhetto e visione del mondo con divertissement.

“Ho chiamato la collana anti/tesi: le tesi sono una gabbia. Se non ti vanno ti taglio la testa come quegli stronzi della Rivoluzione francese”.

Nessuna concessione al politicamente corretto, un grande amore per la dialettica e il non essere d’accordo.

“Il mio è un pensiero minoritario – racconta l’autore – che sembra conservatore e reazionario, in realtà è solo civile. È lo stesso di Ermanno Olmi o Carlin Petrini: il rispetto per la terra. Può essere un libro effimero o da comodino: da leggere quando si è alla ricerca di risposte”.

Da “L’algoritmo ciula” sui sistemi che ripropongono per 10 anni lo stesso albergo solo perché un’estate sei andato a Rodi a “Donne che non hanno neanche un uomo” che invita a chiedersi perché. Dalle riflessioni sull’Islam “povera Fallaci, l’hanno messa in croce” all’”Elogio dell’aceto” come sapore in estinzione. Dalla definizione di “Fafiuché” a “L’eclissi dei maestri”: Tanti ricordi: “Era il 1985, c’era una siccità terribile e siamo usciti su La Stampa a pagina intera con una bella foto e il titolo “Bentornata pioggia” al primo acquazzone. Senza vendere nulla. I centralini sono stati inondati di complimenti”.

Ce n’è per tutti: i politici sono “lazzaroni sbracati”, i genitori non sanno dire no: “Educare – precisa l’autore – è anche violare, è accompagnare ma con qualche spintone e nelle famiglie disarmoniche non c’è più la gerarchia di non contraddirsi davanti ai figli”.

È il terzo libro dopo il saggio “Gli anni ruggenti della pubblicità”, Instar libri e la raccolta di poesie, “Galaverna”, sempre per Yume.

“Sono un po’ come Kubrick – dice scherzando – un western, un film storico, mai lo stesso genere”.

Saffirio è nato a Bosia, in Alta Langa e conserva l’amore per la terra e la cura: “Sono appassionato del mondo e della lingua langhetta. I ragazzi allora parlavano piemontese e imparavano l’italiano come fosse l’inglese. Mi ha reso facile passare le lunghe estati e capire la gente che amavo e amo. Come dire che se uno ragionasse in greco sarebbe vicino ai filosofi. Il pensiero langhetto è che le cose non sono mai come sembrano: meglio diradare le nebbie prima di prendere decisioni”.

Un po’ filosofo, un po’ fustigatore di costumi ma con fruste leggere. Confessa: “Ambirei ad essere uno stoico moderno ma mi piacciono troppo le crapule”.

Ha attraversato tante professioni: “Il mestiere che mi è rimasto – dichiara – è il copywriter: trovare la parola giusta. Mi arrabbiavo spesso con i copy perché avevano poca cultura o erano dispersivi. A volte strappavo il foglio guardando la persona dalla fessura nella carta: era un modo di ferire ma anche di far crescere”. Non era piacevole ma insegnava a ri-scrivere ed essere umili. Parola che deriva da humus: terra. Tutto torna.

Lunedì 14 maggio, alle 14,30, “Spazio autori”

Salone Internazionale del Libro

 

Su La Stampa di lunedì 14 maggio

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.

})(jQuery)