Top
labiciclettaverde

La bicicletta verde: chi ha un sogno vuole solo che si realizzi.

Cinema e biciclette. Ci sarebbero argomenti per una tesi di laurea.
Da Ladri di biciclette (1948) di De Sica a Il postino (1994) di Michale Radford passando per lo splendido Il ciclista dell’iraniano Mohsen Makhmalbaf 
(1989), Le biciclette di Pechino (2001) di Wang Xiaoshuai fino al film di animazione Appuntamento a Belleville (2003).
La bicicletta non è mai solo un pezzo di ferro con le ruote. È un sogno, un mito, un simbolo di libertà. O anche semplicemente un mezzo per muoversi o realizzare un desiderio.
Ne La bicicletta verde della regista Haifa Al Mansour, interamente girato in Arabia Saudita, è quasi un’ossessione.

amour_haneke_francesca_rosso

Amour. Chi ama non ha scelta. E forse anche chi è amato.

Chi ama non ha scelta. Ama e basta. Lotta e va avanti in nome del suo amore. Una fede. Una forza cieca. Una furia che non si può non seguire. Questo è amore. Per questo lo straordinario film di Michael Haneke, vincitore dell’ultimo Festival di Cannes, si chiama Amour. I protagonisti sono due ultraottantenni, gli strepitosi Emmanuelle Riva e Jean-Louis Trintignant. Dalla prima inquadratura sappiamo come va a finire. Non bene. Poi Haneke ci accompagna a un concerto facendoci capire come la musica sia il filo conduttore della vita e delle passioni in comune fra i due, il collante della loro vita insieme. In salone c’è un pianoforte a coda.

uova-tartufo-francesca_rosso

Tempo di tartufo bianco: i segreti per gustarlo al meglio

O si ama o si odia. Il tartufo, tuber magnatum, non è un tubero ma un profumatissimo fungo che cresce sottoterra in simbiosi con particolari piante. Per questo è protagonista di rimboschimenti mirati.
Costa più dell’oro, ma se decidete di farvi un regalo questo è il periodo buono, meglio ancora a fine novembre. Ecco qualche consiglio per valorizzarlo al meglio.

pandizenzero

Pan di zenzero: i biscotti che scaldano il cuore e sanno di festa

Edward mani di forbice ha mani di lame ma cuore di biscotto: tenero e friabile. E non un biscotto qualunque. Il celebre gingerbread dell’Europa del Nord: biscotto che profuma di cannella, garofano e zenzero e che scalda il cuore delle feste da Halloween a Natale. A forma di stella, casetta, ma soprattutto omino. Perfetto come decorazione dell’albero di natale. Ecco la ricetta.

Ingredienti per i biscotti:
350 g di farina
150 g di burro
150 g di zucchero
150 g di miele
1 uovo
1 cucchiaino raso di bicarbonato
un pizzico di sale
½ cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
2 cucchiaini di cannella in polvere
2 cucchiaini di zenzero in polvere
½ di cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
¼ di cucchiaino di noce moscata in polvere

Ingredienti per la glassa:
coloranti alimentari a piacere
1 albume
200 g di zucchero a velo

DAVID-the-movie-poster-300

Conflitti, fede e tanta amicizia al Religion Today Film Festival

Piccoli grandi protagonisti per piccole storie che diventano grandi e importanti. E universali nelle mani dei registi che sanno toccare le corde delle emozioni, quelle più autentiche. Fra i film in concorso al Religion Today Film Festival di Trento, il festival di cinema delle religioni, giunto al suo quindicesimo appuntamento, colpiscono molto due film che raccontano di incontri-scontri con fedi diverse.
In entrambe i casi il protagonista è un bambino o poco più.

dolcidiazuki

Dolcetti di azuki: il dessert poco dolce che arriva dal Giappone

La marmellata di fagioli rossi azuki, anko in giapponese, è di quei dolci che piacciono anche a chi non ama il dolce stucchevole.
Si tratta di quella marmellata che costituisce la farcitura dei dorayaki, le due frittelle tenute insieme appunto dall’anko. Per aiutarvi a capire di cosa stiamo parlando se non lo avete mai assaggiato, è quello che dà il nome a Doraemon, il gatto robot azzurro dei cartoni animati.